3 marzo 2015

Percorsi naturalistici

 

Orienteering 

 

L’Orienteering si dice che sia nato nel 1897 nei paesi Scandinavi, dove in breve è diventata una disciplina praticata da numerosissimi appassionati.
Si gareggia individualmente o in squadra, transitando dai diversi punti di controllo posti sul territorio.
Vince chi impiega il tempo minore, ma in questo sport non vince sempre il piú veloce, bensì colui che è in grado di orientarsi piú rapidamente e di fare le scelte di percorso migliori.

Naturalmente l’Orienteering puó essere praticato tutti i giorni, ognuno con il proprio obiettivo: lo sportivo per allenarsi, il bambino per sviluppare nuove capacità e la famiglia per divertirsi e trascorrere una giornata piacevole tra amici all’aria aperta*.

DSCN1396

Il percorso, definito a priori, è caratterizzato da punti di controllo chiamati “lanterne” (paletto con punzone) e gli strumenti necessari sono la bussola e la cartina topografica (molto dettagliata a scala ridotta, da 1:4.000 a 1:15.000) che contiene particolari del luogo da percorrere.

Luogo di svolgimento sono i boschi, ma possono essere utilizzati gli ambienti naturali in generale (alle volte si gareggia nei centri storici delle grandi città).

Una lanterna posta al suolo segnala il posto da visitare. Tutte le lanterne sono numerate, per la verifica dell’esattezza del punto da trovare. I concorrenti hanno una descrizione della lanterna con scritto: la categoria del concorrente, la lunghezza del percorso (in linea d’aria), il dislivello, il codice di riconoscimento e la posizione (a nord/sud del sasso).

In Italia questo sport è arrivato con un certo ritardo rispetto ad altri Paesi, ma esiste dal 1982 la F.I.S.O. (Federazione Italiana Sport Orientamento), che organizza le gare sul territorio nazionale**.

Ed ora scopri qui le nostre attività di orientamento rivolte agli alunni della scuola primaria e secondaria!

*www.fiso.it

**wikipedia.org

 

Ecorunning

 

L’Ecorunning, ossia “la corsa nella natura”, è una vera e propria attività agonistica dove oltre a correre (o camminare, dipende dalle possibilità) ci si guarda intorno, si osserva la natura, si raccolgono informazioni su ciò che ci circonda (piante, animali, discariche, inquinamento, etc.) ed infine si compila una scheda che registra tutto quanto è stato osservato e raccolto. La classifica finale della gara viene stilata in base alla combinazione dei due risultati, quello agonistico (velocità) e quello naturalistico (qualità dell’osservazione).

La prova, svolta a livello individuale o in team, è distinta in:

  • Ecorunning didattica: camminata amatoriale a tempo massimo abbinata alla compilazione della eco-scheda durante il percorso. In questo caso si valuta soltanto la capacità descrittiva con la corretta identificazione degli ambienti e dei suoi elementi (compilazione della eco-scheda e utilizzo della macchina fotografica)
  • Ecorunning agonistica: corsa a tempo cronometrato con tempo massimo indicato (anche in singoli tratti) abbinata alla compilazione, all’arrivo, della terza parte della eco-scheda. In questo caso viene valutata anche la prestazione fisica (ultimazione del percorso nel tempo massimo e/o la classifica nei tratti cronometrati)

Questa corsa ecologica fu introdotta in Italia nel 2004 con manifestazioni come il Giro dei Parchi d’Italia, anche con l’obiettivo di promuovere il turismo sostenibile e attività ricreative eco-compatibili nelle aree protette. Ora la pratica si sta diffondendo sempre più con l’organizzazione di vari eventi ogni anno*.

passeggiate 1

L’Ecorunning mette in gioco l’intelligenza e le attitudini degli sportivi e consente di sviluppare capacità senso-percettive, capacità coordinative e di acquisire competenze e conoscenze sull’ambiente teatro di tali attività**.

Il tracciato deve svolgersi su un sentiero o itinerario già identificato e ben segnalato, lungo il quale la segnaletica esistente può essere eventualmente rafforzata nei pressi dei bivi, utilizzando temporaneamente bandierine ecologiche, che saranno prelevate al termine della prova.

*http://www.ecoblog.it

**http://www.podeltabirdfair.it